Convegno su Pietro Lungaro

  Pietro Ermelindo Lungaro

Vice Brigadiere di P.S.

Questura di Roma

24 marzo 1944  

 

 

 

 

 

           Il 27 giugno scorso la nostra Sezione ha partecipato a Palermo, presso la caserma Lungaro della Polizia di Stato, ad un convegno su Pietro Lungaro. Il convegno è stato organizzato su iniziativa dei figli di Lungaro, che era nato a Monte San Giuliano (TP) l’1 giugno del 1910.  

 

Venne fucilato dai nazisti il 24 Marzo alle Fosse Ardeatine,  nei pressi di Roma  in una terribile rappresaglia per l’attentato di Via Rasella, dove un reparto tedesco era stato decimato in attentato partigiano.

Il vicebrigadiere Lungaro dopo l’armistizio e l’occupazione nazista, si avvicinò  al Partito d’Azione e ai gruppi partigiani, ai quali probabilmente fornì aiuti come coperte, viveri, medicinali, armi, munizioni e documenti falsi. Tradito da un delatore il 7 febbraio venne arrestato dagli agenti del famigerato “Reparto speciale di polizia” di Pietro Koch, uno spietato e sadico collaborazionista dei nazisti ,  che andarono a prelevarlo alla caserma di Polizia S. Eusebio e, da lì, lo portarono a poche centinaia di metri in uno dei luoghi di segregazione, in via Tasso, vicino S. Giovanni in Laterano. Torturato per estorcergli i nomi degli azionisti e altri particolari sulle organizzazioni partigiane, non rivelò nulla. Quando le SS decisero una rappresaglia per l’attentato ad un reparto tedesco in Via Rasella e chiesero ai collaborazionisti la consegna di prigionieri da fucilare, Koch consegnò loro, tra gli altri anche il vicebrigadiere Lungaro.

Morì  il 24 marzo del ’44, unico poliziotto fra i 335  Martiri delle Fosse Ardeatine.

Il vicebrigadiere Pietro Lungaro era sposato e padre di due figli. Un terzo figlio  nacque quattro mesi dopo la sua morte.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *